Perché un nuovo blog?

Perché aggiungere altre chiacchiere all’immenso chiacchiericcio che circonda la nostra Terra come uno sciame di api ronzanti?
Perché aggiungere ancora parole a un mondo dove tutti parlano e nessuno ascolta, dove tutti scrivono e nessuno legge?

Il fatto è che non mi riesce proprio di star ferma e zitta. Vedo, lo vedo con una chiarezza abbacinante, che cosa sta cambiando a velocità supersonica sul nostro Pianeta Terra, e davvero non riesco a starmene qui senza far niente.

Tutto passa, mi dicono alcuni cari amici. Non ti preoccupare di quello che sta accadendo, questo posto ha già visto trasformazioni immani nel corso degli eoni, catastrofi e cataclismi, estinzioni di massa e fasi in cui sulla crosta di questo pianeta sopravvivevano solo quattro batteri avvinghiati al fondo delle sorgenti termali.
E io lo so, lo so che è vero, e che forse tutto questo sforzo è solo un mio piccolo delirio di onnipotenza.

Eppure non ce la faccio a star qui ferma, mentre questa piccola perlina verde e azzurra persa nell’immensità dell’Universo viene distrutta dall’inconsapevolezza di qualche miliardo di esseri umani, arrivati sulla terra non più di 2 o 3 minuti fa (se paragonati alle ere di vita della nostra Terra Madre).

Ma allora? Che cosa si può fare? Cosa possiamo fare noi, singoli esseri senzienti e dotati di intelligenza e visione, che non sia solo chiacchiera e aria fritta?

Diventare sempre più consapevoli.

Sapere, sapere con certezza che noi esistiamo perché la Terra esiste. Sapere che l’interessere è l’unica vera realtà concreta che esiste su questo pianeta: noi siamo fatti di tutto ciò che esiste. Senza tutto il resto, noi non esistiamo.
Essere consapevoli che questo è un piccolo sistema chiuso, un piccolo globo azzurro dalle risorse finite (aria, acqua, terra… per far solo qualche esempio banale), e che se non ne teniamo conto, siamo noi quelli finiti, e con noi tutti gli altri esseri che abitano su questo Pianeta.

Consapevolezza.

E come possiamo diventare sempre più consapevoli?
Esistono una serie di mezzi abili, come usava dire il buon vecchio Buddha, che possiamo utilizzare per aumentare la nostra empatia, la nostra visione profonda, la nostra capacità di prenderci cura, la nostra capacità di trasformare i nostri sentimenti e i nostri stati mentali. In poche parole, strumenti capaci di aiutarci a diventare sempre più umani. E allo stesso tempo, e non per caso, strumenti capaci di prendersi cura di noi e di guarirci dalla nostra ansia, dalle nostre paure, dal nostro panico quotidiano.

Allora ecco perché: questo blog diventerà il luogo dove metteremo in comune tutti i mezzi abili che riusciremo a trovare. Meditazione, mindfulness, coerenza cardiaca, yoga, tecniche per aumentare la resilienza, e chi più ne ha più ne metta. Tutto quel che può servire per attrezzarci al meglio nel viaggio di scoperta dentro noi stessi. Nel nostro personale viaggio di guarigione.

E allo stesso tempo, cercheremo con ogni mezzo di trovare soluzioni pratiche e notizie tecniche che ci aiutino a fare tutto ciò che è possibile fare per guarire la Terra.
Viaggio in fondo all’anima, e viaggio per le vie del mondo allo stesso tempo.
Perché noi siamo i Figli di questa Terra. E senza questa Terra non ci è dato sopravvivere.

P.S: E se ti va di dire la tua sulla nascita di questo blog, lascia un commento qui sotto: a me e a tutti coloro che navigheranno su queste pagine farà molto piacere leggerti!

Leave a Comment

Your email address will not be published.